Fine delle feste e primi acquisti del 2019

Far squirtare la morosa nel 2019 è stato gratificante, urlava di piacere che era una meraviglia…voce soave, la adoro!

20190103_152641.jpg

La tipica espressione del genere: “ma son già finite le feste?” Amico mio, erano solo 2 settimane…mica 2 anni! 😀 Oltre al fatto che ho lavorato ma mi sono divertito lo stesso! 😀

Ho comprato giusto qualcosina: un libro di cucina afro, Black Manta della Funko, i totaku di Hitman e Aloy, Nike Air Force One nere alte, cappellino invernale di GOW 4 e la lancia di Leonida di AC Odyssey. 😀

20190102_164431.jpg20190105_205713.jpg20190105_205724.jpg20190105_164616.jpg20190102_181252.jpg20190102_164459.jpg20190105_210555.jpg

Buona fine delle feste a tutti/e! 😀

Ade

Annunci

Inizio memorabile

Svegliarsi in terra con l’accappatoio mentre la morosa è sul letto, memoria a tratti: lavoro, festone, tanta gente, tanti pazzi, ridere, bere, cannoni e tromboni, la mia faccia dentro le labbra della sua vagina e poi… il nulla… mi alzo in preda ai dolori e vado al cesso a cagare come da programma. Mentre sto sul trono, cerco di pensare al buco di circa 5 ore di cui non ho memoria. Bah… il celebre film “Una Notte da Leoni“? No, il film è “No Ade, no Party!

Buon Anno a tutti/e e che sia migliore!

Big Dick Ade

Il bello delle feste

I periodi di festa sono sempre una Manna per via delle mega cene e dei mega pranzi ma ciò che conta davvero, sono le cagate del giorno dopo. Sono le 08:15 AM e sono già alla quarta defecata. Non è diarrea, giusto per precisare. I mici fanno smorfie col naso, come se loro sono profumati quando vanno in lettiera 😅😅😅

Buon Santo Stefano by Ade

Retoriche natalizie…vietato ai minori o magari ai… fessacchiotti

L’atmosfera del Natale agli occhi di un bimbo è sempre magica (se ha una famiglia benestante ovvio, perdonate il mio realismo sfacciato) ma con queste retoriche ti fanno diventare come il Grinch o magari Scrooge. Precisiamo che mi piace il Natale ma sostanzialmente perchè cucino e metto in mostra (anche in altri momenti dell’anno) il massimo delle mie doti culinarie, soprattutto perchè poi sto al cesso 24 ore su 24 coi mici che gironzolano per il bagno e quelli piccoli si mettono a sedere dentro ai miei boxer colorati 😀 Non adoro le retoriche pubblicitarie inutili ma vabbè, non penso di essere l’unico…spero! Devo sbrigarmi a fare gli ultimi regali, specie per la morosa…un bel completo sexy erotico a tema Natale/Capodanno, rigorosamente rosso…rosso cappella! 😉

Oh oh oh!

ab07ff3ff158efb2e26064c34ee215c7

Nel periodo di Capodanno lavoro, partirò il 28 e tornerò per la Befana…forse. Non vedo l’ora, lavorare per le feste non significa solo farsi il culo ma: guadagnare cifre importanti, prendere un sacco di mance e soprattutto divertirsi al massimo. A breve il post del resoconto del 2018 (nei vecchi blogs lo facevo sempre) e altre cose.

Buona settimana!

Ade

L’invidia…

Nel post precedente ho levato i commenti perchè mi interessa solo chi legge e per evitare commenti di persone che non capiscono una beneamata minkia di questi argomenti. Mi spiace per tutti quei bloggers che hanno un minimo di cervello ma paradossalmente chi mi leggeva e commentava nei vecchi blogs di storia/politica era per lo più chi capiva poco e nulla. C’era pure chi forniva un punto di vista affascinante e lo ricordo con un sorriso, certo che si. Prevenire una cazzata non significa ostacolare il pensiero ma evitare che si scambi il cazzo per una salsiccia 😀

Chiarito ciò, riparto dal punto finale del precedente post: l’invidia, ostacolo da non prendere alla leggera.

Scrivo in base alle mie esperienze: dal 2015 circa ho avuto opportunità particolari a lavoro (ma nella vita in generale) che mi hanno portato ad un tenore molto sopra la media. Di certo non rovistavo nella spazzatura prima di quell’annata precisa ma in questi 3-4 anni (siamo ad un passo dal 2019) ho dato delle svolte radicali su molti fronti. Sono una persona ambiziosa, più di tanti altri e la voglia di combattere e di mettermi sempre in gioco (con passione ed umiltà, di certo non con la frenesia del potere) mi hanno fatto ottenere tante vittorie. In altre parole nessuno mi ha regalato nulla e ciò che ho sacrificato è stato essenziale per arrivare a quei traguardi. Le persone come me, mi auguro che siano molte, oggi sono viste come arroganti o peggio. Perchè? Perchè ce la fanno e perchè sanno sempre dove andare, pur sacrificando sempre qualcosa…ed è giusto. Non significa essere arroganti o perfetti, significa semplicemente sapersi muovere bene nel Mondo, un Mondo che vuole servi ma c’è chi fà ancora la differenza o quantomeno ci prova. Chi muove critiche senza senso in questo caso, è solo invidioso. Non esistono altre risposte: l’invidia in fin dei conti è patrimonio degli stolti, di persone che perdono tempo e basta, quando dovrebbero alzare le chiappe e portare qualche curriculum per trovare lavoro. Molte persone che conosco (reali intendo) stanno cadendo in questi tranelli. Questa cattiveria gratuita odierna, nasce soprattutto dall’invidia. Molti non ci credono ma è così. 😀

Questo sentimento inutile, è l’ostacolo più grosso per far tornare la vecchia Coscienza di Classe alle persone. Io la prendo a ridere, di certo non posso rompere il culo ad ogni persona che vede male i miei lavori ma questi mostri nella gente comune, sono sempre più numerosi. Se da una parte c’è la crisi e c’è, dall’altra ci sono invidia e cattiveria appunto. Sono piuttosto girellone ma faccio l’esempio limitato al mio Paese, cioè l’Italia: gli invidiosi qua spuntano come funghi…purtroppo!

Studiare la psicologia di massa aiuta tanto e si imparano molte angolazioni. Le vecchie guardie rivoluzionarie avevano visto bene il futuro col Capitalismo ma dubito che si sarebbero immaginate questo marasma terribile e buffonesco allo stesso tempo…

Non ci si fà caso o poco ma l’invidia è l’artefice di molti crimini.

Ade

Analizzare…

La prima “lezione” del Comunismo è analizzare la realtà circostante (persone, politica, sociale, mutamenti, ecc…) al fine di creare e preparare un qualcosa di meglio di ciò che passa il convento, come si dice. Il tessuto sociale di oggi (o almeno dagli anni ’90 ad oggi) è totalmente cambiato, in peggio direi. Due domandine: chi comanda oggi? Chi subisce oggi? Mi viene da dire che oggi comanda il computer e chi subisce è una specie di sotto-proletariato fortemente reazionario e in alcuni casi anche filo-mafioso (non parlo di proletari, attenzione…il problema del sotto-proletariato si pone già dai tempi di Marx). Facendo un discorso più serio: oggi comanda sempre la borghesia ma è un qualcosa di diverso dal classico termine che veniva usato da chi possedeva i mezzi di produzione nei secoli passati. Se il tipico borghese del 1900 (artefice del nazi-fascismo e della mafia) era una persona da rovesciare, oggi è una persona quasi osannata…manco fosse Cristo tornato in vita dopo la crocifissione. Perchè scrivo questo? Semplice, oggi assistiamo ad un marasma talmente crudele, che non si capisce chi ha ragione e chi ha torto. Chi si ribella oggi, talvolta, è anche peggiore di quelli che vorrebbe rovesciare. La cosiddetta “rabbia popolare” odierna, sarebbe capace di portare al potere persone ben peggiori di quelle che scaldano adesso le sedie. Se oggi ci fosse una Rivoluzione, non si manderebbe al potere un Lenin, un Mao, un Fidel Castro o per fare un esempio più moderato, un Salvador Allende ma una figura più simile ad un Dux o un boss di malavita. Quando una buona parte di popolazione ha scarsa coscienza, farebbe emergere pure Lucifero dall’Inferno pur di sfogarsi…magari contro le persone sbagliate. Magari posso essere travisato ma ci tengo a precisare che non sono contro alla gente, ci mancherebbe ma affermo solo che senza una visione di classe si farà sempre poco e nulla. La storia è un susseguirsi di lotte fra classi, oggi non è possibile analizzare secondo questi criteri perchè le classi sociali sono un caos senza precedenti (imprenditori alla fame e persone comuni che sognano di diventare dei piccoli Scarface). Non puoi dare ragione al tecnocrate che affama i Paesi ma nemmeno alla persona comune che considera “Comunismo” quello di oggi e vorrebbe far fuori gli immigrati senza sapere che stanno magari ancora peggio di lui e che con una tale mentalità, rafforza solo il Capitale finanziario. Dove sta il punto? Oggi si vuole rovesciare il borghese per diventare come lui o peggio, ieri si rovesciavano le caste borghesi per far spazio a progetti migliori (collettività, uguaglianza, ecc…) e di certo, sono nati diritti e conquiste molto importanti. Quei diritti oggi vengono negati a molte persone ma ci sono, con un cambio radicale di politica si potrebbero rilanciare per bene. Non è solo un problema italiano ma mondiale, è giusto ribadirlo.

Sicuramente il primo punto per rilanciare la Società è opporsi a queste disparità sociali che non hanno nulla da invidiare a quelle del Medioevo (nobili e servi). Teniamo conto di una cosa però: oggi regna sovrana l’invidia ed è un ostacolo da non prendere alla leggera.

Ade

66ec901b8e14ff9cd63a6f246a061763

Slogan, troppi slogan!

L’Italia è un Paese pieno di pregiudizi (il meridionale ed il negro sono per forza inferiori al fiorentino o al milanese…come no!), per non parlare del fatto che se una ragazza si veste in maniere piccanti, è automaticamente una squillo. Il “no alla violenza sulla Donna” viene ripetuto anche da quelle stesse persone che poi urlano ad altre violenze, riducendo tutto poi a banali slogan di pura retorica. Per essere schietti: un vile italiano medio leghista che urla contro alla violenza sulle Donne, fa ridere perchè è lo stesso codardo che urla violenza verso gli stranieri. 😀 A tanti piace fare il frocio col culo degli altri, facile così!

Buongiorno by Ade!